Corso online 148 allievi Scuola Nazionale dell’Amministrazione per dirigenti

Fai clic qui per visualizzare il bando

Corso online per la preparazione al concorso pubblico bandito dalla SNA (Scuola Nazionale dell’Amministrazione) per il reclutamento di dirigenti delle amministrazioni pubbliche. 
 
Durata corso: imminenza prove scritte.  
E’ possibile iscriversi a corso iniziato con recupero di tutto il materiale pregresso, esercitazioni comprese.
 
 
Presentazione
 
    Dopo diversi anni di attesa finalmente la Scuola Nazionale dell’Amministrazione (SNA) ha indetto, in attuazione dei decreti del Presidente della Repubblica n. 272/2004 e n. 70/2013 concernenti i Regolamenti per l’accesso alla qualifica di dirigente nella P.A, ai sensi dell’articolo 28, comma 5, del D. Lgs. n. 165/2001, una procedura concorsuale, per esami, per l’ammissione di 148 allievi al corso-concorso selettivo di formazione dirigenziale per il reclutamento di 123 dirigenti nelle amministrazioni statali, anche ad ordinamento autonomo, e negli enti pubblici non economici (G.U. 4^Serie speciale n. 70 del 4 settembre 2018).
Detta procedura concorsuale prevede una prova preselettiva consistente in un test composto da 60 quesiti a risposta multipla e di tre prove scritte alle quali sono ammessi i soli candidati classificati in graduatoria entro il 444” posto (corrispondente a tre volte il numero di allevi ammessi al medesimo corso-concorso) e di una prova orale, alla quale sono ammessi i candidati che hanno riportato un punteggio di almeno settanta centesimi in ciascuna prova scritta.
 
    I corsisti nonché partecipanti alle predette prove concorsuali, nel presupposto che siano dotati di una buona base manualistica, saranno destinatari di una formazione finalizzata a porre l’attenzione sulle questioni nevralgiche e sui temi di particolare attualità che riguardano le funzioni e il ruolo oggi attribuiti alla dirigenza pubblica nell’ambito dell’organizzazione della pubblica amministrazione.
 
   E’ noto che tutta la Pubblica Amministrazione, non solo in Italia, è coinvolta da tempo in una profonda trasformazione del suo modo di operare e, in questo contesto, dei suoi modelli organizzativi. Appare oggi anacronistica la persistenza di una cultura rigidamente formale, burocratica e autoreferenziale, a fronte delle mutate esigenze dei cittadini - in termini di offerta e qualità dei servizi - e dell’evoluzione degli stessi sistemi amministrativi, pubblici e privati, volta al recupero di efficienza, alla razionalizzazione delle strutture, ad una maggiore capacità collaborativa con altri potenziali partner pubblici o privati, anche in ragione della scarsità di risorse.
   L’obiettivo del corso è fornire ai partecipanti le conoscenze utili richieste dalla suindicata procedura concorsuale ai fini del superamento delle prove scritte previste dalla medesima procedura selettiva. In particolare, il corso intende richiamare l’attenzione del candidato sulle questioni nevralgiche e sui tempi di particolare attualità e quindi in ragione della maggiore probabilità di essere oggetto delle tracce che saranno oggetto delle prove scritte.
 
A questo scopo, il programma di ognuna delle due prove scritte concernenti rispettivamente le materie giuridiche (diritto costituzionale, diritto amministrativo, diritto dell’Unione Europea e delle organizzazioni internazionali) e quelle economiche e dell’analisi delle politiche pubbliche (economia politica, politica economica, economia delle amministrazioni pubbliche, management pubblico, analisi delle politiche pubbliche) avrà l’obiettivo di preparare i candidati dal punto dell’attitudine al ragionamento giuridico al fine di formulare diagnosi e proposte in relazione a problemi attinenti alle attività delle pubbliche amministrazioni.
Il programma di ognuna delle suddette materie giuridiche ed economiche è sviluppato per almeno quindici lezioni (per singola materia) di diritto costituzionale, diritto amministrativo e diritto dell’Unione Europea; e di (economia politica, politica economica, economia delle amministrazioni pubbliche, management pubblico, analisi delle politiche pubbliche).
Ogni lezione, in base a un programma prestabilito, avrà un profilo teorico e pratico tenuto conto delle funzioni e delle responsabilità attribuite oggi dall’ordinamento giuridico alla dirigenza pubblica protesa ad utilizzare tutti gli strumenti a propria disposizione per il miglioramento delle performance delle loro strutture amministrative, per l’applicazione di nuova normativa e per l’introduzione di nuove metodologie per la gestione delle persone e delle risorse.
 
Durante il corso sono rese disponibili raccolte di dispense tematiche e i recenti orientamenti giurisprudenziali.
Grande attenzione è data agli elaborati che sono oggetto di correzione personalizzata assai accurata, in numero pari ad almeno sei per ogni materia.
 
Il corso si avvale della qualificata collaborazione di docenti altamente specializzati.

Programma:
 

Materie giuridiche:

 
Diritto Costituzionale:
Le Fonti nell’ordinamento costituzionale italiano. La Corte costituzionale (nozioni). Il sindacato di legittimità costituzionale, oggetto ed effetti del sindacato di costituzionalità delle leggi. I conflitti e i giudizi di accusa. La legge di delega e il decreto legislativo. Il referendum abrogativo. Le fonti delle autonomie. Il decreto legge e la legge di conversione.
La riserva di legge (o non legge). Le fonti atipiche e i procedimenti rinforzati.
Durante il corso agli allievi verranno distribuite le dispense e la documentazione, ivi inclusa la giurisprudenza della Corte costituzionale.
Diritto amministrativo: Le fonti del diritto amministrativo comunitario; il riparto del potere regolamentare tra Stato e Regioni; Interesse legittimo e la sua risarcibilità; il risarcimento del danno e il processo amministrativo; nozione di ente pubblico; Le Autorità Indipendenti; l’assetto dei rapporti tra Stato. Regioni ed enti locali; Il rapporto di lavoro alle dipendenze della P.A. dopo la privatizzazione; la distinzione tra politica e amministrazione; tutela giurisdizionale; La discrezionalità amministrativa e sindacato giurisdizionale; il silenzio amministrativo; il procedimento amministrativo; la Conferenza dei servizi alla luce delle recenti modifiche introdotte dal Decreto Madia; I controlli amministrativi; l’invalidità del provvedimento amministrativo; L’accesso ai documenti amministrativi; I contratti della pubblica amministrazione; L’espropriazione per pubblica utilità.
 
Diritto dell’Unione europea e delle organizzazioni internazionale:
Il corso esamina principalmente gli aspetti istituzionali del diritto internazionale pubblico, quali: i) evoluzione storica; ii) soggettività; iii) sistema delle fonti; iv) adattamento degli ordinamenti interni; v) trattamento degli stranieri; vi) immunità, specie nelle controversie di lavoro; vii) responsabilità per illecito internazionale e mezzi diplomatici e giurisdizionali di soluzione delle controversie. Per quanto concerne specifici settori, il corso dedica particolare attenzione al diritto internazionale dell’economia e del lavoro e alla tutela internazionale dei diritti umani. Il corso illustra altresì i profili del diritto dell’Unione Europea di maggior rilievo sul piano del diritto internazionale, quali: i) fonti del diritto dell’Unione, nozioni di effetto diretto e di primato, adattamento degli ordinamenti interni; ii) Unione Europea e diritto delle organizzazioni internazionali; iii) conclusione di accordi internazionali da parte dell’Unione, specie in materia economico-commerciale; iv) rango del diritto internazionale nel diritto dell’Unione; v) responsabilità dell’Unione Europea per illecito internazionale.

Materie economiche e dell’analisi delle politiche pubbliche:
 
Economia politica e politica economica:
Il corso di Economia Politica e Politica Economica si divide in due moduli: il primo modulo, di Economia Politica, intende fornire gli strumenti analitici fondamentali, micro e macroeconomici, per la comprensione del funzionamento di un sistema economico. Il secondo modulo, di Politica Economica, illustra i concetti fondamentali della teoria includendo applicazioni riferite all’Unione Europea, all’Unione Monetaria Europea e all’Italia.
Il programma comprende: L’economia di mercato. Le scelte del consumatore.       Variazioni di prezzo e benessere del consumatore. L'offerta di lavoro.        L'impresa e i suoi obiettivi. Tecnologia e produzione; I costi; L'equilibrio nei mercati concorrenziali. Il monopolio. L'oligopolio. Esternalità e beni pubblici. I fondamenti della Politica Economica. La politica di bilancio. Politiche della crescita. Politiche per l’occupazione. Stabilità e Crescita. Innovazione finanziaria e crescita Energia e Crescita.
 
Economia delle amministrazioni pubbliche:
Il corso di Economia delle Amministrazioni pubbliche ha come scopo principale quello di esaminare la dimensione aziendale delle stesse. A tal fine, il percorso di studio osserva i profili strutturali, dinamici e relazionali di tali realtà e le diverse classificazioni possibili. Vengono fornite, inoltre, le conoscenze di base in termini di sistema contabile, di gestione e di rilevazione finanziaria di una Amministrazione pubblica. Il programma comprende: Il concetto di azienda e la classificazione delle aziende. Il processo di “aziendalizzazione” degli Enti pubblici. L’economicità nelle Amministrazioni pubbliche. – L’efficienza – L’efficacia. Il patrimonio delle Amministrazioni pubbliche: gli elementi del patrimonio pubblico e la classificazione dei beni pubblici. L’organizzazione delle Amministrazioni pubbliche. – Il soggetto economico; la funzione politica e la funzione amministrativa. La gestione nei suoi aspetti qualitativi. La funzione contabile: gestione e rilevazione negli aspetti quantitativi. La logica di un modello contabile pubblico – i principi generali – i documenti essenziali – la gestione e la rilevazione finanziaria – Le fasi contabili delle entrate – le fasi contabili delle spese – la gestione di cassa e la gestione di competenza finanziaria – la gestione dei residui – la matrice dei flussi e degli stock della gestione finanziaria. Il coordinamento dei diversi aspetti quantitativi della gestione.
 
Management pubblico:
La negoziazione e la gestione dei conflitti. L'orario di lavoro e time-management. L'organizzazione del lavoro. Sistemi di misurazione e valutazione della performance amministrativa: finalità, caratteristiche, strumenti. Sviluppo ed implementazione dei processi comunicativi in ambito pubblico. Aspetti cognitivi e comportamentali delle decisioni amministrative e delle politiche pubbliche. La gestione delle risorse umane nel pubblico impiego dopo la riforma della P.A. (D.L. n. 90 del 2014 e Decreto Madia). Il trattamento di quiescenza dei dipendenti pubblici. Trasparenza della PA e accesso agli atti amministrativi. Il Trattamento giuridico ed economico dei dipendenti pubblici. Sistemi di controllo di gestione: finalità, caratteristiche, strumenti. La comunicazione pubblica nei processi decisionali. Ottimizzazione dei processi di lavoro alla luce della Spending Review: organizzazione del lavoro e gestione delle risorse. Il contenzioso amministrativo alla luce delle ultime novità legislative. La nuova disciplina in tema di procedimento amministrativo.
 
Analisi delle politiche pubbliche.
Il corso intende in primo luogo rafforzare le conoscenze e le competenze tecniche dei dirigenti e funzionari delle amministrazioni centrali dello Stato impegnati nell’ambito delle attività di valutazione delle politiche pubbliche. Più in dettaglio, l’ampio percorso formativo mira a costruire maggiori capacità operative nelle attività di analisi e verifica dell’impatto della regolamentazione, di valutazione dei progetti pubblici, con una costante attenzione ai risvolti finanziari connessi a tali attività. Nello svolgimento del percorso formativo, la costruzione di uno specifico progetto inquadrato all’interno della missione e delle dinamiche organizzative della propria amministrazione costituirà per i partecipanti al corso l’occasione per affrontare in concreto una esperienza specifica di valutazione.
 Il programma comprende: Il concetto di “politica pubblica”. Tipologie di politiche pubbliche. I meccanismi decisionali e il ciclo delle politiche pubbliche. I meccanismi decisionali e l’organizzazione delle amministrazioni pubbliche. I modelli decisionali: dalle assunzioni di piena razionalità all’analisi dei comportamenti. La formulazione delle politiche pubbliche. La decisione di una politica pubblica. L’attuazione e l’enforcement delle politiche pubbliche. La definizione dei destinatari delle politiche pubbliche. I risultati delle politiche pubbliche: prodotti e impatti. L’analisi dei problemi amministrativi e organizzativi. L’analisi costi-efficacia. Valutazione delle politiche pubbliche e valutazione della spesa pubblica - Gli indicatori di prodotto delle spese pubbliche. Gli indicatori di impatto associati ai programmi di spesa pubblica. Tagli di bilancio lineari e tagli selettivi.
 
La Direzione Scientifica sta valutando di completare ogni argomento trattato con casi pratici e test.

Chi si iscrive sino a una settimana prima della data fissata per l'inizio delle prove preselettive riceverà un BONUS di €.400,00 da utilizzare per l'acquisto di un altro nostro corso on line. Il buono non sarà cumulabile con altre promozioni e/o offerte e dovrà essere utilizzato entro il 31.12.2019

 

MODALITA’ D’ISCRIZIONE


L'iscrizione si perfeziona compilando la scheda di adesione disponibile a questo link , previo pagamento della quota di partecipazione con bonifico in favore dell'Accademia Juris - Diritto per Concorsi srl uni personale

Codice IBAN: IT29 K054 2404 0020 0000 1003 241

La scheda di adesione - accompagnata dalla sottoscrizione delle condizioni di contratto, dall'accettazione dell'informativa sul trattamento dei dati personali, da copia del documento d'identità, da copia del tesserino del codice fiscale e da copia della ricevuta del bonifico - deve essere inviata al numero fax 080.5654595 oppure scansionata a mezzo posta elettronica all'indirizzo info@ildirittopericoncorsi.it

INFO

Avv. Carmela Ruggiero
Tel: 380.7912357 
Tel: 080.5653828
(lun. – ven. /17:00 – 19:00)
avv.campanaro@libero.it

info@ildirittopericoncorsi.it

Tutti gli importi sono comprensivi dell'I.V.A.

  • Per i nuovi iscritti Unica soluzione 1300 € i.i.
  • Per gli iscritti ad altri corsi on line Unica soluzione 1200 € i.i.

Consulta le FAQ per avere una rapida risposta alle tue domande

Domande generali
Corsi on line
Correzione temi

Nessuna notizia disponibile

Accademia Juris Diritto Per Concorsi s.r.l. Unipersonale - P.I.: 06494910729
Registrato il 20.10.2006, presso il Tribunale di Bari al numero 57 - copyright 2006 - 2018